Home Dove siamo   5 Dic 2021 9:31 EnglishAmericanFrançaise
Toscana Sempre Visualizza la scheda della struttura
Ricerca :: Ricerca
 < Prec Clicca sulla foto per accedere alla scheda Succ > 
Chi siamo Le nostre proposte di soggiorno Tutte le nostre strutture Offerte Le nostre Località F.A.Q.
Appunti e Momenti - Mostre
 
Se non hai trovato quello che cerchi consulta il menù di destra
 
BERLINDE DE BRUYCKERE
 
<b>BERLINDE DE BRUYCKERE</b>

BERLINDE DE BRUYCKERE

Inaugurazione:
San Gimignano
Galleria Continua
Sabato 12 maggio 2007 Via del Castello 11,
Fino al 27 agosto 2007, da martedì a sabato, 14.00-19.00


Galleria Continua è lieta di ospitare nei suoi spazi una nuova mostra personale di Berlinde De Bruyckere. L’artista belga presenterà una serie di opere appositamente realizzate per gli spazi della galleria.  

La produzione di Berlinde De Bruyckere si declina nel binomio degli opposti: la vita che si impone sulla morte, l’amore che riscatta violenze e paure, il corpo offeso che si offre e si cela alla vista. Cariche di forza e di carnalità le sculture della De Bruyckere raccontano un modo di vittime, di orrori ma anche di dignità umana, di riscatto e di amore.
In questa mostra l’artista torna a rappresentare figure solitarie, silenti e fragili che si offrono al pubblico come metafore della sofferenza psicologica e del disagio.
Nella scultura che apre il percorso espositivo ritroviamo uno dei soggetti più cari all’artista, il cavallo. La prima rappresentazione risale al 2000 quando l’artista interviene al Flanders Fields Museum di Ieper in Belgio. Il contesto in cui si trova ad operare, ovvero un museo costruito in memoria della Prima Guerra Mondiale, induce l’artista ad una riflessione sulla guerra e sulla morte. Individuando nelle immagini di cavalli straziati la metafora della morte, la De Bruyckere prende a rappresentarli con tratti essenziali, disposti su tavoli, appesi ad un albero o a scarne strutture in ghisa; la sua ricerca si concentra sulle forme plastiche, sulla postura drammaticamente contratta o dolcemente accoccolata, esaltando, quando il profilo della linea lucida del pelo quando i tratti più vigorosi, possenti e sensuali del corpo dell’animale.
Aperta a molteplici interpretazioni e letture l’opera della De Bruyckere, anche in questo caso, lascia spazio ad una ulteriore trasfigurazione del soggetto, là dove, nel cavallo si voglia cogliere la rappresentazione delle qualità umane ma anche del dualismo tra vita e morte, tra eros e thanatos.

Con la grande installazione realizzata per la platea del cinema l’artista introduce una nuova tematica che sviluppa a partire da un riferimento iconografico preciso, l’albero. Se in alcune precedenti opere site specific l’albero era stato utilizzato dalla De Bruyckere come sfondo narrativo, qui acquista una funzione centrale. Albero come immagine fortemente simbolica legata alla vita ma anche come elemento materico, organico, mutevole: legno come metafora del ‘pensiero’.
Tronchi d’albero scavati e modellati dal tempo, nodi e venature vengono fuori dalla trama della cera. Vulnerabili e mutilati come le altre figure che li accompagnano, trovano precaria protezione dietro sottili riquadri di vetro.


Berlinde de Bruyckere nasce a Gent nel 1964, città dove vive e lavora.
L’universo dolente e ferito raccontato nelle opere della De Bruyckere si impone all’attenzione della critica internazionale all’inizio degli anni Novanta. In questo primo periodo l’artista costruisce rifugi, luoghi precari e transitori fatti di stracci intrecciati, letti metallici stracolmi di coperte dalle fogge più varie dove l’uomo sembra disperatamente cercare rifugio e protezione. Conosciuta dal grande pubblico italiano grazie alla partecipazione, nel 2003, alla 50esima Biennale di Venezia, l’artista annovera nel suo curriculum esposizioni prestigiose, sia in spazi pubblici che museali. Solo per ricordare le più recenti: Of Mice and Men, Berlin Biennale, Berlino (2006); ARS 06, Kiasma, Helsinki (2006) per quanto riguarda le mostre collettive e Berlinde De Bruyckere, La Maison Rouge, Parigi (2005); Één, De Pont Stichting voor hedendaagse kunst / Foundation for Contemporary Art, Tilburg (Olanda, 2005) e Undercover, Kunsthalle, Quadriennale 06 Artcity, Duesselorf (2006) per quanto riguarda invece le mostre personali.



Per ulteriori informazioni sulla mostra e sul materiale fotografico:
Ufficio stampa Silvia Pichini email: press@galleriacontinua.com

 
Strutture associate
Castellina in Chianti Pf - Antico borgo
Montaione (Firenze) Cs - Appartamenti in antico podere
Montaione (Firenze) Cl - Appartamenti nel borgo
Montaione (Firenze) Sp - Appartamenti in antico podere
Montaione (Firenze) Blz - Appartamenti in antico podere
Montaione (Firenze) - Villa e dependance con piscina
 
MOSTRE

Le Guadalupe spazio per le arti: artisti messicani a Volterra

Etruschi di Volterra. Capolavori da grandi musei europei

BERLINDE DE BRUYCKERE

"Piero della Francesca e le corti italiane"

 
Appunti e momenti

Arti e Mestieri

Attività in Toscana

Appuntamenti Enogastronomici

Comunicati Stampa

Concerti In Toscana

Concerti Rock

Corsi di Cucina

Degustazioni

Escursioni

Libri

Link Utili

Mountain Bike in Toscana

Mostre

Musical

Nuovi Concerti

Nuovi Musical

Opera Lirica

Prodotti Locali

Ristoranti, Bar ed Enoteche in Toscana

Servizi

Spettacoli

 
  APPUNTI DI VIAGGIO SOGGIORNI TOSCANI
  Appuni di Viaggio S.a.s. di Lisa di Sandro & C. - Strada Regionale 68, Località Cavallo - 56048 Volterra (PI)
  P.Iva 01807610504 - REA: PI-156615 - E-mail: info@toscanasempre.com
Scambio Link Toscana Sempre
Web by Web By Uplink Imprendo 2.0+